viabilità

Le politiche per trasporti e viabilità

Postato il Aggiornato il

Quello del trasporto pubblico è sicuramente uno dei temi più complessi da affrontare a livello locale. A breve si vedranno i frutti del lavoro di Città Metropolitana e di tutti i Comuni coinvolti nella riorganizzazione del sistema di trasporto su gomma: nel nuovo piano di bacino è già previsto, a seguito delle gare d’ambito, un aumento delle corse dei bus di linea verso le fermate della metropolitana di Milano, verso Rho e verso Magenta (intervento questo previsto nel 2020). È prevista anche una nuova corsa che collegherà via Milano (dal parcheggio Bennet) alla fermata M5 San Siro, passando per Settimo Milanese.
A luglio invece verrà introdotto il nuovo piano tariffario, che per gli utenti del nostro Comune significa un risparmio di costo su tutte le corse (tanto singole quanto soprattutto in abbonamento) verso Milano, Rho e Magenta.
Per quanto riguarda la metropolitana, a fine 2018 Regione Lombardia ha finanziato un primo studio di analisi del prolungamento della M5 verso Magenta. È un passo importante ma preliminare: sarà necessario presidiare i tavoli di confronto insieme agli altri Comuni dell’asse della ex SS 11 affinché si proceda in tempi più stretti e con progetti più puntuali.
La viabilità in uscita da Cornaredo, soprattutto nelle ore mattutine, è parecchio critica. Le decisioni sulla viabilità interna devono muoversi in parallelo con il miglioramento del servizio di trasporto pubblico locale, facendo scelte forti e limitando, se necessario, il traffico interno ai soli residenti e/o a coloro che si muovono per usufruire dei servizi scolastici.
Bisognerà lavorare al fianco di Città Metropolitana e dei Comuni della nostra zona per lo spostamento del tratto autostradale esentato dal pagamento da Rho ad Arluno, in modo da deviare il traffico, soprattutto dei mezzi pesanti, lontano dal nostro Comune. Bisognerà poi, grazie al finanziamento di Regione Lombardia, aggiornare il progetto della variante alla ex SS 11, tenendo conto da un lato dell’incremento di traffico indotto dal miglioramento delle condizioni di sicurezza e qualità della circolazione e dall’altro dal miglioramento contestuale del trasporto pubblico.
Anche su questo tema ci prendiamo tre impegni prioritari:
definizione di un piano urbano del traffico per dare risposta alle criticità che si riscontrano nella viabilità interna, specie negli orari mattutini, valutando anche la possibilità di impedire l’accesso ad alcune vie ai non residenti e, contestualmente, definizione di un piano dei parcheggi per valutare le necessità dei diversi quartieri e porre in essere gli interventi necessari
partecipazione ai tavoli regionali per discutere del progetto preliminare relativo al prolungamento della metropolitana fino a Magenta, in modo da definire un percorso utile al nostro territorio e ridurre i tempi di approvazione definitiva
armonizzazione del sistema di piste ciclabili comunali con i sistemi dei Comuni confinanti, manutenzione accurata delle stesse e realizzazione di percorsi ciclabili che coinvolgano anche le zone industriali, così da migliorare la qualità degli spazi e incentivare l’utilizzo della bicicletta per recarsi al lavoro

La situazione del trasporto pubblico locale

Postato il Aggiornato il

tplIl trasporto pubblico locale è sicuramente sia uno dei servizi fondamentali all’interno di un territorio ampio e attivo come quello in cui viviamo sia uno di quegli ambiti in cui è necessario fare rete con le altre amministrazioni comunali per incidere davvero sul servizio.
Poco prima di Natale in Consiglio regionale la maggioranza ha ritirato un emendamento al bilancio che prevedeva l’introduzione del biglietto unico per tutta l’area milanese e la revisione di tutte le tariffe per il servizio di trasporto pubblico locale.
Per quanto riguarda Cornaredo il biglietto unico significherebbe un grande risparmio e una semplificazione per gli utenti.
Per fare un esempio nella tratta Cornaredo-Molino Dorino il biglietto singolo va da 2,5 a 3,1 euro in base al punto di partenza, con il biglietto unico la corsa singola costerà 2,4 euro e ci sarà una sola tariffa indipendentemente dal luogo di partenza. I vantaggi aumentano sugli abbonamenti: oggi il mensile studenti costa da 53 a 61 euro, con il biglietto unico l’abbonamento mensile studenti costerà 45 euro mentre quello classico 60 euro e lo stesso risparmio si avrà anche sugli abbonamenti annuali. A cascata i risparmi riguarderebbero tutte le tratte dei bus che transitano nel nostro Comune.
Per questo motivo ritengo che lo stop di Regione Lombardia sia un errore grave e ho firmato l’appello insieme ad un centinaio di sindaci di diversi schieramenti politici per chiedere a Regione di approvare l’emendamento che prevede l’introduzione del biglietto unico, appello rimasto ancora inascoltato Nella giornata di ieri Regione Lombardia ha purtroppo confermato lo slittamento dell’introduzione del biglietto unico all’autunno 2019 invece che ad aprile.
L’agenzia del trasporto pubblico locale sta invece lavorando alla preparazione dei documenti per la nuova gara del trasporto pubblico che uscirà nel 2019 (sempre a detta di Regione Lombardia e speriamo in questo caso che vengano rispettati i tempi) con un nuovo piano di bacino che ha rivisto tutto il trasporto pubblico su gomma dell’area milanese verificando la frequenza delle singole linee. Nel documento visibile sul sito dell’agenzia sono previsti importanti novità anche per il nostro Comune. Oltre alla conferma della previsione dello sviluppo della linea M5 nel nostro territorio, si aggiungerà a quelle già presenti una nuova linea: la 423 che oggi arriva a Settimo Milanese e verrà prolungata fino al Bennet per cui ci sarà una nuova tratta Cornaredo-San Siro M5.
Aumenteranno invece le corse della Z620, vengono migliorate le connessioni con Cascina Croce mentre vengono confermate le corse della 431 e 433. A questo proposito incontreremo a breve l’Agenzia del TPL proprio per approfondire le previsioni per queste due ultime linee dal momento che anche nelle osservazioni che abbiamo presentato come Comune abbiamo chiesto un aumento delle corse in orari scolastici e la domenica.
Tra le osservazioni abbiamo fatto ovviamente riferimento anche al necessario prolungamento della M5 per avere finalmente un servizio fondamentale per il territorio dell’ovest Milano. In questo senso nelle prossime settimane promuoveremo un documento su trasporti e viabilità da condividere con i comuni a noi vicini.