sostenibilità

Per una mobilità dolce e sostenibile.

Postato il Aggiornato il

bici-citta

Chi pedala cambia il mondo dolcemente. È questo il primo “comandamento” del Cyclopride che si svolgerà l’11 maggio a Milano e Palermo. Cornaredo non ha ancora pensato di organizzare una manifestazione del genere e noi allora vi invitiamo alla biciclettata “Pedaliamo verso il futuro“: il ritrovo è alle 14.30 in Piazza Libertà e attraverseremo i nostri parchi, San Pietro all’Olmo e Cascina Croce per poi ritornare in Piazza Libertà per le 17.00.

Lo sviluppo di una mobilità dolce e di una coscienza legata al tema della sostenibilità sarà una priorità della nostra amministrazione. Vi saranno progetti specifici per le scuole e i giovani, e con i Piani di riqualificazione delle aree verdi costruiremo una Cornaredo “a misura di bicicletta“, fornendo tutti i luoghi pubblici di rastrelliere e investendo in piste ciclabili di collegamento con i comuni limitrofi e i luoghi più frequentati del nostro paese.

Tecnologia e innovazione per una crescita sostenibile

Postato il Aggiornato il

solar panelUno degli obiettivi principali della nostra amministrazione sarà quello di trasformare Cornaredo in una Smart City, una città sostenibile a basso impatto ambientale: è per questo che tra le prime misure che proporremo ci sarà l’adozione di un grande piano per le energie alternative e rinnovabili. 
 
In una giornata limpida, l’energia che giunge sulla Terra dal sole  è pari a circa 15.000 volte il  consumo energetico di tutto il nostro Pianeta nello stesso periodo di tempo. E’ un dato incredibile, un dato su cui è necessario soffermarsi con attenzione e che non può lasciare indifferente una società basata sugli alti consumi energetici e che ha la necessità di rivedere i propri standard.
 
Gli edifici, nella loro costruzione ed utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità Europea, con le conseguenti ricadute in termini di costi energetici ed ambientali. Ne deriva che l’impiego di energia per il settore edile provoca il 30-40% circa delle emissioni di CO2 e gas climalteranti in ambiente. Negli edifici residenziali quasi il 70% dei consumi energetici è dovuto al riscaldamento degli ambienti, il 10% alla produzione dell’acqua calda sanitaria, il 5% per usi cucina, e circa il 16% per usi elettrici, illuminazione, elettrodomestici e condizionamento estivo.
 
E’ più che mai necessario un forte investimento nelle energie rinnovabili: l’amministrazione comunale di centrodestra ha firmato qualche anno fa il Patto dei Sindaci, impegnandosi  a ridurre le emissione di gas serra del 20% (in rapporto alle emissioni del 1990) entro il 2020. Ad oggi nulla sappiamo circa i risultati raggiunti in questi anni.
 
Vogliamo avviare sin dal primo anno del nostro insediamento un piano per la diffusione dell’energia fotovoltaica sia per le attività produttive che per i privati: una misura a prezzi inferiori rispetto a quelli di mercato, grazie allo sviluppo di sinergie con imprese del settore che avranno il compito di spiegare ai nostri cittadini i vantaggi ambientali ed economici delle energie sostenibili ed effettuare successivamente interventi su richiesta. L’azione della Giunta non si limiterà all’individuazione della società più adatta: ci faremo anche garanti con le banche per ottenere finanziamenti a tassi agevolati.
 
Pur sapendo che stiamo attraversando una fase in cui non è facile fare investimenti, siamo fortemente convinti che interventi del genere avranno un triplice risultato: un ambiente migliore (grazie alla riduzione dei gas serra), un investimento di breve periodo (i tempi di rientro dal capitale investito sono di quattro anni grazie un risparmio annuo calcolato mediamente in 800 € annui) e la possibilità di far lavorare le aziende del nostro territorio.
  
La Cornaredo che vogliamo passa anche da un ambiente più sano!