piano diritto allo studio

Il piano diritto allo studio 2019-20

Postato il Aggiornato il

Il piano diritto allo studio approvato dal Consiglio comunale è il primo di questa nuova legislatura ma è in continuità con quanto fatto nella scuola negli ultimi 5 anni.
Si prosegue confermando il grande lavoro svolto nel 2015 sulle tariffe dei servizi scolastici che sono state ridotte per le famiglie con redditi più bassi e quelle con più figli e l’aumento del contributo dell’Amministrazione comunale sia per finanziare i progetti proposti dai due istituti comprensivi sia per le iniziative di sostegno ad alunni con fragilità che purtroppo sono in aumento. Il servizio di educativa minori supporta 72 alunni con disabilità mentre 35 sono i ragazzi che fruiscono del servizio di sostegno linguistico “senza frontiere”.
Il numero di studenti dei due comprensivi di Cornaredo nel 2019-20 è in leggera diminuzione, di poco sotto i 1.100 alunni, è invece confermato l’aumento dei bimbi accolti al nido comunale di Cornaredo che anche quest’anno saranno 70 grazie all’aggiunta di una educatrice per dare risposta alle tante richieste di iscrizione che sono arrivate quest’anno. L’offerta 0-3 anni, con i due nidi comunali e la sezione primavera, arriva quindi a 111 posti.
Abbiamo confermato i contributi alle materne paritarie che svolgono un servizio importante per il nostro territorio, le tariffe di tutti servizi scolastici e tutti gli strumenti presenti lo scorso anno per il supporto educativo dei ragazzi  e quello economico per le famiglie (per questa iniziativa le risorse destinate sono superiori ai 65.000 euro), dalla consulenza psicologica e lo “spazio in più” per i genitori ai riconoscimenti per merito scolastico e i centri estivi comunali per i ragazzi, solo per ricordarne alcuni.
Per quanto riguarda i progetti proposti dall’Amministrazione comunale proseguirà il progetto Fuoriclasse così come il progetto sulla legalità da svolgere con le classi prime medie in collaborazione con Libera, in tutto le risorse destinate ai progetti proposti dai diversi assessorati ammontano a 52.000 euro; i contributi alle scuole per le progettualità interne invece restano invariati e ammontano a 44.000 euro.
Uno dei “nuovi” progetti introdotti riguarda gli studenti plus dotati. In cosa consiste?Nel percorso formativo scolastico si evidenziano casistiche di bambini e di adolescenti classificabili come “plusdotati” o ad alto potenziale, in quanto dotati di un quoziente intellettivo (QI) che supera i livelli ritenuti “normali” per la loro età. Per i suddetti alunni, il mancato riconoscimento del loro alto potenziale da parte del personale docente, può avere effetti sottorendimento e, in pratica, può comportare uno scollamento tra il rendimento scolastico e le loro reali potenzialità con importanti ripercussioni sul piano sul percorso formativo e sul benessere individuale.
L’obiettivo del progetto, rivolto sia alle scuole primarie che secondarie di primo grado, è di proporre percorsi di formazione per i docenti al fine di promuovere successo scolastico ed evitare situazione di rischio, di disagio e/o abbandono scolastico plusdotati con un’azione di politica educativa realmente inclusiva, attraverso strumenti e metodologie didattiche personalizzate.
Per quanto riguarda invece i lavori svolti quest’estate nelle scuole i più importanti riguardano la riqualificazione del cortile di via IV Novembre e la sistemazione delle aule di artistica della scuola media Curiel oltre che la tinteggiatura di tutte le mense scolastiche.

Il piano diritto allo studio 2018-19

Postato il Aggiornato il

Il piano diritto allo studio approvato dal Consiglio comunale è stato particolare per due motivi: si tratta dell’ultimo piano approvato da questa Amministrazione comunale ed è il primo che, in qualità di assessore all’istruzione, ho seguito da vicino nella sua redazione.
Si tratta di un piano che conferma quanto fatto in questi quattro anni, a cominciare dal grande lavoro svolto nel 2015 sulle tariffe dei servizi scolastici che sono state ridotte per le famiglie con redditi più bassi e quelle con più figli e l’aumento del contributo dell’Amministrazione comunale sia per finanziare i progetti proposti dai due istituti comprensivi sia per le iniziative di sostegno ad alunni con fragilità che purtroppo sono in aumento. Il servizio di educativa minori supporta 103 alunni con disabilità mentre 48 sono i ragazzi che fruiscono del servizio di sostegno linguistico “senza frontiere”.
Il numero di studenti dei due comprensivi di Cornaredo nel 2018-19 è in aumento, supera i 1.100 alunni, a causa della prima media in più presso la Scuola media Curiel e la prima elementare in più presso via Sturzo, allo stesso modo aumentano i bimbi accolti dal nido comunale di Cornaredo che quest’anno saranno 70 grazie all’aggiunta di una educatrice per dare risposta alle tante richieste di iscrizione che sono arrivate quest’anno. L’offerta 0-3 anni, con i due nidi comunali e la sezione primavera, arriva quindi a 111 posti.
Abbiamo confermato i contributi alle materne paritarie che svolgono un servizio importante per il nostro territorio, le tariffe di tutti servizi scolastici e tutti gli strumenti presenti lo scorso anno per il supporto educativo dei ragazzi  e quello economico per le famiglie (per questa iniziativa le risorse destinate sono superiori ai 55.000 euro), dalla consulenza psicologica e lo “spazio in più” per i genitori ai riconoscimenti per merito scolastico e i centri estivi comunali per i ragazzi, solo per ricordarne alcuni.
Per quanto riguarda i progetti proposti dall’Amministrazione comunale abbiamo apportato alcune modifiche al progetto Fuoriclasse, che verrà svolto dai professori e non più da tutor selezionati, mentre è stato introdotto un nuovo progetto sulla legalità da svolgere con le classi prime medie in collaborazione con Libera; i contributi alle scuole per le progettualità interne invece restano invariati e ammontano a 44.000 euro.
Per quanto riguarda invece i lavori che verranno svolti quest’estate nelle scuole i più importanti riguardano la pavimentazione della parte nuova della scuola primaria di via Volta, la riqualificazione dell’ingresso della materna Mazzini e quella dell’area giochi della materna Colombo. Con l’approvazione dell’avanzo fatta in aprile infine  abbiamo infine acquistato le ultime LIM, un’iniziativa durata 5 anni, in modo che tutte le classi delle scuole elementari e medie siano dotate di una lavagna interattiva. Un intervento invece molto importante riguarda il cortile della scuola elementare di via IV Novembre che, dopo la sistemazione di quello di via Volta due anni fa, è quello che necessita di maggiori interventi ed è per questo che ci stiamo confrontando con la scuola per un intervento migliorativo entro la metà del 2019.

Il piano diritto allo studio: un’opportunità per i nostri ragazzi ma anche per la nostra comunità

Postato il Aggiornato il

Nella seduta del consiglio comunale di lunedì è stato approvato il piano diritto allo studio. Un piano condiviso in maniera trasversale, dalla consulta diritto allo studio (in cui sono presenti i rappresentanti delle scuole, degli insegnanti, dei genitori e dell’amministrazione comunale) per finire con tutta la giunta comunale, per ribadire che il futuro dei nostri ragazzi è il futuro della nostra comunità e deve vedere tutta la “generazione adulta” impegnata per crescerli ed educarli al meglio.

In questo piano c’è la politica, una politica che va al di là degli schieramenti e non ha una connotazione. Una politica bella che passa dal Patto educativo territoriale proposto dalle scuole fino al pedibus per costruire una scuola più sostenibile, da una maggiore consapevolezza dei ragazzi rispetto alla cosa pubblica con il ritorno del “Consiglio comunale dei ragazzi” a una maggiore equità delle rette dei servizi scolastici ad invarianza di introito.

Una scuola al passo coi tempi: proseguiremo con l’acquisto di ulteriori LIM da mettere nelle aule dei nostri ragazzi (abbiamo promesso di metterne una in ogni classe nell’arco dei 5 anni di amministrazione) e porteremo la rete wi-fi in ogni plesso. Una scuola più sicura: l’investimento per la riqualificazione delle strutture scolastiche nel biennio scolastico 2014/16 è di 744.500 euro.

Soprattutto, una scuola all’avanguardia dal punto di vista dell’offerta formativa con un incremento delle risorse destinate ai progetti proposti dall’Amministrazione che passa da 42.000 a 52.100 euro. Qui trovate tutto il piano diritto allo studio che ho provato a sintetizzare in poche righe.

Sulla scuola, più che su ogni altro tema, non è necessario dividersi. E’ stato apprezzabile che nessuno dei consiglieri di minoranza abbia votato contro il piano. In questo anno scolastico abbiamo avuto un esempio lampante di quanto sia importante collaborare per il bene dei nostri ragazzi: gli straordinari genitori che durante il mese di dicembre hanno messo a disposizione il loro tempo per tinteggiare gran parte della scuola di via Sturzo (l’ultima parte verrà terminata questa estate, una volta ultimati i lavori di riqualificazione energetica), partiamo dal loro esempio per immaginare la scuola e soprattutto la comunità di domani.