amministrazione

Vademecum delle regole per accedere agli alloggi comunali

Postato il Aggiornato il

Al termine del mese di dicembre si è chiuso il bando per le domande di accesso alle case comunali. Come temevamo, visti i tempi, hanno fatto richiesta più di una cinquantina di famiglie che si vanno ad aggiungere, integrandosi in base ai punteggi, a quelle che fanno già parte della graduatoria. Si tratta di un totale di circa 200 famiglie in graduatoria a fronte di circa una settantina di alloggi comunali.

Chi definisce i criteri di accesso? I criteri sono definiti da Regione Lombardia e riguardano la residenza (é necessario essere residenti nel comune o lavorare da 5 anni in un comune lombardo) e il reddito ISEE (sotto i 16.000 euro per accedere a un canone di affitto sociale). Concorrono al punteggio anche la presenza di disabili nel nucleo famigliare, la condizione alloggiativa (sfratto, procedura di sfratto in corso, affitto) e la condizione occupazionale. Ovviamente non può accedervi chi è proprietà di abitazione.

Per quanto si rimane in graduatoria? Si rimane in graduatoria fino a che non vengono meno i requisiti di cui sopra. Ogni tre anni il Comune apre di nuovo il bando in modo che famiglie non in graduatoria, chi non presenta la documentazione da tre anni e chi ha peggiorato la propria situazione familiare, e quindi può avere un punteggio più alto, possa presentare una nuova domanda.

Mi trovavo ai primi posti della graduatoria e adesso mi hanno scavalcato in un centinaio di famiglie. Da gennaio abbiamo pubblicato sul sito del Comune la graduatoria del bando scaduto a dicembre. Queste però non sono le graduatorie definitive ma andranno integrate con chi ha presentato la domanda negli anni scorsi. Ciò significa che chi per esempio si trova quinto nella graduatoria del bando di dicembre probabilmente “perderà” qualche posizione nel momento in cui la graduatoria verrà integrata con l’altra, ovviamente l’integrazione avviene sulla base dei punteggi ottenuti e se chi si trova davanti in graduatoria ha perso i requisiti non accederà all’immobile.
Le graduatorie sono piene di extracomunitari. Uno dei requisiti cardine per accedere alle case comunali é quello della residenza nel comune in cui avviene la richiesta o i 5 anni di attività lavorativa prestata in un comune lombardo. Nel bando di dicembre sulle prime dieci famiglie in graduatoria solo una é straniera, al decimo posto. Le graduatorie sono sempre pubbliche e sono visibili sul sito dell’Ente. A breve é intenzione di Regione Lombardia introdurre i 10 anni di residenza con continuità per accedere ai bandi, attenzione però perché questo requisito varrà anche per le famiglie italiane. Nei 71 alloggi di proprietà comunale, le famiglie di origine straniera sono 4.

Quella persona ha una macchina di lusso e sta nella casa popolare. L’edilizia residenziale pubblica serve a supportare le difficoltà dei nuclei familiari, per questo motivo é obiettivo anche del Comune far accedere negli immobili famiglie che hanno una vera difficoltà. Quando riceviamo una segnalazione anche anonima, come successo in questi mesi, procediamo ad un controllo accurato senza coinvolgere gli inquilini. Dalle segnalazioni e dai controlli effettuati in questi mesi non sono mai emersi illeciti. Il nuovo ISEE, che inizieremo ad usare nei prossimi mesi, prevede che la documentazione sia inviata anche all’agenzia delle entrate e all’INPS in modo da avere più controlli incrociati.

Se non mi da la casa il Comune come mi aiuta? Un altro contributo che non tutti conoscono é il “Fondo sostegno affitti”, rivolto agli affittuari che non sono proprietari di casa e a cui viene riconosciuto un contributo cofinanziato da Regione e Comune se non si supera una certa soglia di ISEE. Il bando generalmente esce dopo l’estate.
Il lavoro che invece sta svolgendo l’assessorato ai servizi sociali riguarda il patrimonio di cui il Comune dispone cercando di vendere alcuni degli alloggi occupati in modo da acquistarne altri pronti per una nuova assegnazione e valutando l’opportunità di vendita di alcuni di quelli non occupati più grandi (tre-quattro locali) per acquistarne di più piccoli in numero maggiore. Abbiamo inoltre aderito all’Agenzia dell’abitare rhodense dove, su segnalazione dell’assessorato, i cittadini potranno recarsi per trovare alloggi anche fuori comune a canoni sociali.

Il toto nomi non mi appassiona

Postato il Aggiornato il

Tra qualche ora cominceranno le votazioni per l’elezione del Presidente della Repubblica. Un momento importante e di cui, a differenza di ciò che avviene per esempio per l’elezione del Pontefice, conosciamo ogni singolo passaggio. Le votazioni del Presidente mi piacciono sin da quando ero bambino: la conta dei voti, i numeri che sulla sinistra del teleschermo aumentano poco alla volta per questo o quel candidato.
Le ultime elezioni sono state speciali. Non tanto e non solo per la rielezione di Napolitano o per la confusione incredibile che le ha accompagnate ma perché in quei giorni di aprile mi trovavo a Roma, proprio fuori dal Parlamento, in attesa.
Dopo due anni ci ritroviamo ancora qua. Solite liturgie, solite discussioni inutili nei giorni che precedono l’elezione sul borsino dei papabili candidati, d’altronde i giornali devono vendere anche nei giorni in cui non ci sono notizie.
Quale Presidente dovrà essere? Le polemiche sul nome, se sarà o meno frutto del patto dal Nazareno, mi appassionano davvero poco. Per sua natura e per raccogliere voti da una ampia platea di parlamentari, dovrà essere un nome condiviso.
Una personalità politica forte, super partes e in grado di interpretare la Costituzione al meglio, come ha fatto in questi nove anni Giorgio Napolitano che nella crisi dei partiti e della rappresentanza democratica si è dimostrato un baluardo della nostra Repubblica, più interessato al bene dell’Italia che alle invettive di cronisti da quattro soldi o alle beghe interne dei partiti.
Qualcuno che ci mantenga credibili nei rapporti internazionali e che sappia entrare in sintonia con la parte migliore del nostro Paese, abbiamo bisogno di un Presidente “vicino”, in grado di sostenere la ripresa e di unire in un momento in cui invece ogni giorno evidenziamo quello che ci divide dall’altro.

La città metropolitana deve essere la nostra prospettiva

Postato il

A un mese di distanza dal voto dello Statuto della Città metropolitana, potete trovare tutto su www.cittametropolitana.mi.it, parte ufficialmente la nuova avventura di questo nuovo ente, ai più oscuro nell’organizzazione e nell’utilitá.
Molte delle funzioni restano le stesse della vecchia Provincia: pianificazione territoriale, coordinamento nella gestione dei servizi, mobilità, edilizia scolastica e la gestione dei sistemi di informatizzazione.
Devono però cambiare gli strumenti. Credo che l’unità di misura di questo progetto stia nella capacità di città metropolitana di essere un ente più autorevole ed efficiente di quanto fosse la vecchia provincia, imparando dagli errori ma soprattutto con una incisività e una prospettiva maggiore.
Delle tante regole contenute nello statuto, votato dalla Conferenza dei Sindaci (tutti i sindaci dei Comuni della ex provincia di Milano) poco prima di Natale, vorrei sottolineare quelle che in particolare riguardano la partecipazione. Su questo tema, vista l’elezione di secondo livello che ha portato all’elezioni del consiglio metropolitano, bisogna colmare un gap. Per questo nello statuto si dice chiaramente che il nuovo sindaco metropolitano verrà eletto a suffragio universale, per questo lo stesso é stato redatto chiedendo il contributo degli attori metropolitani  e sono contenuti sono contenuti al suo interno strumenti per una partecipazioni ampia: referendum, petizioni e istanze.
Ma che effetti avrà l’istituzione di Città metropolitana sui cittadini? La risposta in sintesi potrebbe essere questa: migliorare la qualità della vita dei singoli e condurre i Comuni in un percorso finalizzato a una gestione sovracomunale dei servizi pubblici locali, come i rifiuti ad esempio.
Il primo tema su cui solleciteremo Città metropolitana é quello della scuola superiore. Ci stiamo già lavorando e abbiamo intenzione di promuovere una petizione perché il tema sia discusso nel Consiglio metropolitano, come previsto dall’art. 9 dello statuto. Vogliamo avere finalmente delle risposte certe e sbloccare una situazione insopportabile che raffigura il fallimento della politica e della burocrazia del nostro paese.
Si comincia!

La politica nel reale

Postato il Aggiornato il

2015-01-13 13.10.15

Mi ha emozionato tornare nel mio Liceo per confrontarmi con alcuni ragazzi sull’impegno dei giovani in politica. É difficile spiegare perché sia importante il loro impegno in politica, soprattutto oggi.

Ognuno ha la sua storia, le proprie passioni, siamo diversi ed é nella diversità dei singoli che molto spesso si ritrova la bellezza.
Ci deve essere allora un motivo, valido per tutti, unico. Io credo che la politica sia una cosa bella perché é lo strumento, oltre noi stessi, attraverso cui si cambiano le cose.
Lo so, da molti anni questa percezione é venuta meno. I giornali ci raccontano sempre più spesso di scandali, corruzione, malaffare. Tutte cose che oggi nell’immaginario collettivo colleghiamo alla politica. Non é così! La politica é uno strumento, la politica non può corrompere o essere corrotta, pagare o ricevere tangenti. Quello lo possono fare, e capita purtroppo, i politici. In tutto questo la politica non deve perdere però il suo valore, che ci riporta a motivare la necessità di un impegno. Un impegno delle persone oneste che decidono di collaborare per il bene comune. E’ opportuno separare il campo della politica da tutto ciò che politica non è.

Nel nostro territorio purtroppo c’è un simbolo che racchiude quello che non va nel nostro Paese: la scuola superiore. Ecco, io credo che una soluzione per la ripresa dei lavori di una struttura importante per il nostro territorio ce la possa dare solo la politica.