amministrazione

Nuove modalità di assegnazione degli alloggi pubblici

Postato il Aggiornato il

La legge regionale n. 16/2016, così come il conseguente regolamento regionale, ha completamente rivisto la normativa relativi ai servizi abitativi di Regione Lombardia e all’accesso degli utenti agli stessi. Fino ad ora infatti eravamo abituati a un bando unico ogni due/tre anni e un’unica graduatoria da cui attingere in base anche a valutazioni relative alla metratura e al numero di componenti del nucleo familiare.
Da oggi questo sistema non ci sarà più. I bandi verranno gestiti a livello sovracomunale.
Nel nostro caso il territorio del rhodense con il comune di Rho capofila, saranno almeno due all’anno. Spetterà sempre ai Comuni approvare ogni anno il Piano triennale ed annuale dell’offerta abitativa pubblica. Il piano annuale fornirà una fotografia e un aggiornamento relativo a tutti gli alloggi pubblici presenti nel territorio, quelli che presumibilmente si libereranno nel corso dell’anno e quelli liberi che verranno assegnati tramite bando.
Saranno messi a gara quindi tutti gli alloggi pubblici liberi nel nostro territorio e si dovrà presentare domanda per tutti gli alloggi cui si è interessati, ovviamente chi ha un nucleo familiare composto di due persone non potrà fare richiesta per un appartamento da 100 mq così come una famiglia con tre figli non potrà richiedere un appartamento da 40 mq.
E’ possibile che un alloggio di un comune venga assegnato a un residente di un altro Comune? In teoria è possibile, ad esempio se ad un bando ove venisse assegnato un alloggio presente nel Comune di Rho non partecipasse nessun residente di quel comune è evidente che si assegnerebbe a un utente residente in altro Comune. Tra i criteri per assegnare gli alloggi ne è previsto uno per cui ha un punteggio alto più il residente del Comune ove si trova l’alloggio, questo criterio quindi rende più difficile che un alloggio sia assegnato a residente di altro Comune.
Tutta la procedura dovrà essere svolta on-line tramite SPID o CRS su un applicativo fornito da Regione Lombardia, il Comune di Cornaredo metterà a disposizione uno sportello di supporto agli utenti presso il Melograno, aperto il martedì dalle 9.00 alle 12.00 e il mercoledì dalle 14.00 alle 17.00.
Qui tutte le informazioni sui nuovi bandi per l’assegnazione degli alloggi.

Il piano diritto allo studio 2019-20

Postato il Aggiornato il

Il piano diritto allo studio approvato dal Consiglio comunale è il primo di questa nuova legislatura ma è in continuità con quanto fatto nella scuola negli ultimi 5 anni.
Si prosegue confermando il grande lavoro svolto nel 2015 sulle tariffe dei servizi scolastici che sono state ridotte per le famiglie con redditi più bassi e quelle con più figli e l’aumento del contributo dell’Amministrazione comunale sia per finanziare i progetti proposti dai due istituti comprensivi sia per le iniziative di sostegno ad alunni con fragilità che purtroppo sono in aumento. Il servizio di educativa minori supporta 72 alunni con disabilità mentre 35 sono i ragazzi che fruiscono del servizio di sostegno linguistico “senza frontiere”.
Il numero di studenti dei due comprensivi di Cornaredo nel 2019-20 è in leggera diminuzione, di poco sotto i 1.100 alunni, è invece confermato l’aumento dei bimbi accolti al nido comunale di Cornaredo che anche quest’anno saranno 70 grazie all’aggiunta di una educatrice per dare risposta alle tante richieste di iscrizione che sono arrivate quest’anno. L’offerta 0-3 anni, con i due nidi comunali e la sezione primavera, arriva quindi a 111 posti.
Abbiamo confermato i contributi alle materne paritarie che svolgono un servizio importante per il nostro territorio, le tariffe di tutti servizi scolastici e tutti gli strumenti presenti lo scorso anno per il supporto educativo dei ragazzi  e quello economico per le famiglie (per questa iniziativa le risorse destinate sono superiori ai 65.000 euro), dalla consulenza psicologica e lo “spazio in più” per i genitori ai riconoscimenti per merito scolastico e i centri estivi comunali per i ragazzi, solo per ricordarne alcuni.
Per quanto riguarda i progetti proposti dall’Amministrazione comunale proseguirà il progetto Fuoriclasse così come il progetto sulla legalità da svolgere con le classi prime medie in collaborazione con Libera, in tutto le risorse destinate ai progetti proposti dai diversi assessorati ammontano a 52.000 euro; i contributi alle scuole per le progettualità interne invece restano invariati e ammontano a 44.000 euro.
Uno dei “nuovi” progetti introdotti riguarda gli studenti plus dotati. In cosa consiste?Nel percorso formativo scolastico si evidenziano casistiche di bambini e di adolescenti classificabili come “plusdotati” o ad alto potenziale, in quanto dotati di un quoziente intellettivo (QI) che supera i livelli ritenuti “normali” per la loro età. Per i suddetti alunni, il mancato riconoscimento del loro alto potenziale da parte del personale docente, può avere effetti sottorendimento e, in pratica, può comportare uno scollamento tra il rendimento scolastico e le loro reali potenzialità con importanti ripercussioni sul piano sul percorso formativo e sul benessere individuale.
L’obiettivo del progetto, rivolto sia alle scuole primarie che secondarie di primo grado, è di proporre percorsi di formazione per i docenti al fine di promuovere successo scolastico ed evitare situazione di rischio, di disagio e/o abbandono scolastico plusdotati con un’azione di politica educativa realmente inclusiva, attraverso strumenti e metodologie didattiche personalizzate.
Per quanto riguarda invece i lavori svolti quest’estate nelle scuole i più importanti riguardano la riqualificazione del cortile di via IV Novembre e la sistemazione delle aule di artistica della scuola media Curiel oltre che la tinteggiatura di tutte le mense scolastiche.

Il programma dell’Autunno sanpietrino 2019

Postato il Aggiornato il

Anche quest’anno è ricchissimo il programma dell’Autunno Sanpietrino che a cominciare da questa domenica prevede eventi fino al 2 novembre toccando i luoghi principali di San Pietro all’Olmo: Piazza Dubini, l’Oratorio San Luigi, Piazza della Chiesa e la sua Chiesa Vecchia, Piazzetta dell’Olmo, via Marconi e la sala “Amici della Musica”.
La settimana precedente ci sarà come da qualche anno la Festa dei sapori presso l’Oratorio, quest’anno domenica 29 settembre con stand e giochi nel pomeriggio.
Sabato 5 ottobre in via Marconi, Piazzetta dell’Olmo e Piazza della Chiesa inizieranno le attività con stand gastronomici e artigianali, mostre, la ruota panoramica, esibizioni di twirling e danza e spettacoli musicali la sera. Sarà inoltre presente la fanfara dei bersaglieri per tutte le vie cittadine.
Domenica invece ci sarà la rievocazione storica, quest’anno il tema saranno le città di Vienna e Monaco di Baviera agli inizi del ‘900. Tra cibo, spettacoli, concerti ed esibizioni equestri un trenino turistico partirà da Parigi (Piazza Dubini) passando per Monaco di Baviera (Piazzetta dell’Olmo) e arriverà a Vienna (Oratorio san Luigi).
Nella stessa giornata, come lo scorso anno, ci sarà la possibilità di gustare i piatti dello chef stellato Davide Oldani e per i più piccini partecipare a laboratori di cucina organizzate dalle biblioteche comunale l’Istituto Olmo.
Passato il week end non terminano gli appuntamenti.  Il 13 ottobre “Castagne in Cascina” con i volontari di Italia Nostra mentre utti i sabati dal 12 ottobre al 2 novembre, presso la Sala “Amici della Musica”, spettacoli teatrali e concerti. Il programma completo lo trovate qui.
Buon Autunno Sanpietrino a tutti!

Il programma della Festa del Paese 2019

Postato il

IMG_9262
Sabato cominciano le iniziative legate alla Festa del Paese. Ci saranno le giostre, a cominciare da giovedì e fino a domenica 8 settembre, ci saranno i fuochi d’artificio martedì sera mentre la tradizionale Fiera agrozootecnica del lunedì cambierà la sua veste. E’ diventato sempre più difficile raccogliere la disponibilità degli allevatori a concedere per una mattinata i capi di bestiame ma abbiamo deciso di non perdere questa importante tradizione, ridimensionandola un po’, spostandola nel parco di Piazza Libertà e arricchendola con laboratori per i più piccini. Non cambieranno invece le iniziative organizzate dagli Amici del Cortile.
Si comincia sabato con l’inaugurazione della venticinquesima mostra di modellismo, bancarelle nel parcheggio di via Garibaldi, una mostra dedicata al Carosello presso il salone della mensa della scuola Curiel, cabaret in Piazzetta Dugnani e il concerto di musica live dei “The funky machine” con un repertorio di musica dance degli anni ’70-’80-’90. Insomma si balla e ci si scatena anche di sabato sera quest’anno.
Domenica si prosegue con la pittura e la ceramica a cura della Pro Loco, la fiera delle merci per tutto il Paese, iniziative e laboratori in Piazzeta Dugnani e in via Roma con concerti, sfilata a cura degli esercizi commerciali, spettacolo di musica milanese la sera in Piazzetta Dugnani e lo spettacolo musicale della sera “Abbashow” in Piazza Libertà. Le nostre associazioni saranno presenti per tutto il giorno con stand e laboratori.
Il lunedì della festa si comincia con l’esposizione dei capi di bestiame, come detto quest’anno nel parco di Piazza Libertà. L’esposzione sarà arricchita da numerosi laboratori: quello di cardatura, quello di lettura e i giochi di una volta. Non mancherà il mercato Campagna amica a cura di Coldiretti, l’esposizione di maccchine agricole e tanto altro ad intrecciare la nostra tradizione con il presente. Non mancheranno le associazione del nostro territorio, gli Amici del cortile con le loro iniziative, il cibo e lo spettacolo dal mattino fino alla sera con i Gamba del legn in Piazzetta Dugnani, la premiazione del Corniolo d’oro e la Santa messa con la processione.
Martedì si chiude con le esibizioni delle scuole di danza e lo spettacolo dei fuochi di artificio alle 23.30. Qui trovate il programma completo.
Buona festa del Paese a tutti!

I lavori dell’estate 2019

Postato il Aggiornato il

L’estate è il periodo dell’anno in cui gli enti locali concentrano buona parte dei lavori di manutenzione e sugli edifici pubblici, sia perché a metà anno si ha un quadro più chiaro delle risorse a disposizione sia perché il bel tempo e la chiusura delle scuole permettono di intervenire senza creare disagi prolungati.
Sono molti i lavori messi in cantiere nel 2019 poiché stiamo investendo le risorse economiche in parte introitate a fine 2018 legate alla vendita del terreno di via Adamello dove verrà realizzata la RSA che ha subito un rallentamento a causa di alcune norme contenute all’interno del decreto Sblocca Cantieri, rallentamento che non pregiudica affatto l’opera ma che rende necessarie ulteriori autorizzazioni ma i cui lavori sono partiti qualche giorno fa. Le risorse introitate si sono “trasformate” in progetti e affidamenti grazie al lavoro dell’ufficio lavori pubblici del Comune.
Di seguito alcuni degli interventi che si concluderanno o verranno svolti durante l’estate:
– riqualificazione del cortile della scuola elementare di via IV Novembre con nuovi spazi gioco per i ragazzi, in autunno verrà inoltre realizzato un murales interno a cura dei ragazzi del Centro di Protagonismo giovanile
– riqualificazione degli spazi a sud della Filanda
– realizzazione della nuova tensostruttura presso il Centro sportivo Pertini che sarà dedicata alle attività sportive durante l’anno e le feste popolari nel periodo estivo, procederemo all’inaugurazione nel mese di settembre
– illuminazione del parcheggio di via Filanda, lato Chiesa nuova di San Pietro all’Olmo, i lavori di riqualificazione sono invece già terminati a metà luglio
– prosecuzione della riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica (intervento già iniziato ma che proseguirà per i prossimi mesi)
– conclusione dei ripristini a seguito degli interventi di posa della fibra ad opera di Open Fiber
Inoltre entro la fine dell’anno si procederà con la realizzazione di due collegamenti ciclabili, grazie ai fondi ricevuti da un bando regionale e che il nostro Comune si è impegnato a cofinanziare con 150.000 euro. Si tratta di un intervento su via Ticino e collegherà la pista ciclabile esistente e che termina in via Filanda con via Cascina Monza e dell’intervento in via Mameli che collegherà la ciclabile in fase di realizzazione nel nuovo parco pubblico e la ciclabile di via Matteotti.

Breve commento ai risultati del 26 maggio

Postato il Aggiornato il

Mi sono preso qualche settimana per ragionare a mente fredda sui risultati del 26 maggio. Un risultato straordinario che non ci aspettavamo fosse di queste dimensioni, un risultato però su cui abbiamo lavorato tanto e in tanti non solo negli ultimi mesi di campagna elettorale.
In primis un grazie, grazie a tutti i cornaredesi che il 26 maggio hanno partecipato alle elezioni esercitando un diritto democratico imprescindibile e straordinario: 11.754 votanti pari al 70% degli aventi diritto.
Sarò il sindaco di tutti, come fatto in questi cinque anni, di tutta la comunità. Indipendentemente dal credo politico e dalla fede calcistica, anche se su quest’ultimo farò un po’ più fatica.
Abbiamo fatto una campagna straordinaria grazie al lavoro dei candidati, delle tre liste che hanno sostenuto la mia candidatura e di tanti simpatizzanti che hanno dato una mano per organizzare gli incontri, i banchetti e i mercati. Una campagna, a differenza del centrodestra, in cui abbiamo raccontato le nostre idee e i nostri progetti per Cornaredo. Senza scappare da possibili confronti con gli altri candidati ma mettendoci la faccia, sempre e comunque. Subendo una campagna anche personale contro la mia persona a cui non ho mai reagito se non quando strettamente necessario e sentendo raccontare tante cose inesatte sul nostro Comune. Il primo Consiglio comunale è stato un prosieguo di questa campagna elettorale, ne sono contento perché evidentemente la scoppola è stata così grande che il centrodestra ancora non ci ha capito nulla.
Credo siano due i dati che più di tutti danno la misura di un successo straordinario: la mia candidatura ha ottenuto il 58,63% dei consensi e, nonostante la riduzione del numero dei votanti rispetto a cinque anni fa, 700 voti in più rispetto alle passate elezioni quando il centrosinistra, soprattutto il Partito democratico, era ai massimi storici a livello nazionale.
L’altro dato incredibile è che rispetto alle elezioni europee, tenutesi lo stesso giorno, 2.400 cittadini che hanno votato in Europa partiti di centrodestra o Movimento 5 Stelle (1.800 centrodestra e 600 Movimento 5 Stelle per l’esattezza) alle elezioni comunali hanno votato per la coalizione di centrosinistra.
Un risultato che riempie di orgoglio perché amministrare Cornaredo non è affatto facile, quando si amministra é necessario dire dei no e compiere scelte che scontentano sempre e per forza qualcuno. Per questo incrementare i voti rispetto a cinque anni fa è un riconoscimento del lavoro fatto in questi anni dagli uffici comunali, i partiti di maggioranza, gli amministratori e il sottoscritto.
E’ tempo di Cornaredo e anche, con la nuova Giunta, mettersi al lavoro!

TARI 2019: informazioni utili

Postato il

In questi giorni stanno arrivando a tutte le famiglie l’acconto TARI per il 2019 e il conguaglio TARI 2018. Anche quest’anno c’è stato un risparmio, più basso dello scorso anno, dell’1% ma guardando le tariffe dei comuni intorno a noi è un ottimo risultato. Come viene calcolato il conguaglio?
Come anticipato, sulla base dei sacchi rossi conferiti da ogni utenza nel corso del 2018. Il conguaglio arriva quindi a tutti. Dal momento che non tutti usano ancora i sacchi rossi abbiamo apportato dei correttivi per non svantaggiare in maniera eccessiva chi ha aderito fin da subito all’iniziativa utilizzando i sacchi rossi pur conferendone molti. E’ stato invece penalizzato chi non ha mai ritirato i sacchi rossi e chi in un anno e mezzo non ha mai utilizzato nemmeno un sacco rosso.
Alla fine del 2018 abbiamo quindi calcolato le medie di litri conferiti suddivise per macro categorie sulla base dei componenti del nucleo familiare, ogni categoria avrà quindi la sua media cui fare riferimento. Come già detto in passato al momento non esistono tecnologie che possano pesare il sacco senza un errore importante, per questo motivo il calcolo dell’importo da pagare è stato fatto sui litri conferiti, ovviamente assumendo che il sacco venga conferito completamente pieno. Registrandosi sul sito del Comune è possibile verificare quotidianamente la propria situazione, i sacchi rossi conferiti e tutta la situazione tributaria.
Come ci siamo comportati con chi non ha conferito nemmeno un sacco o non ha ritirato i sacchi rossi? A questi utenti abbiamo attribuito un numero di litri di rifiuto pari alla media della propria categoria aumentata del 35% in modo da disincentivare questo comportamento non virtuoso e abbiamo calcolato su questa base il conguaglio TARI, pertanto chi non ha mai conferito sacchi rossi avrà una penalizzazione. Le restanti utenze pagheranno poco di più o poco di meno rispetto a quanto hanno  conferito, in più o in meno rispetto avrebbero dovuto versare con il sistema tradizionale, a seconda che abbiano conferito più o meno rifiuto indifferenziato rispetto alla media della propria categoria.
Veniamo però alla parte che riguarda più da vicino la raccolta differenziata: da quando è stata introdotta la raccolta puntuale è aumentato la percentuale di raccolta differenziata del nostro comune, arrivata a superare il 70%, mentre è crollato il rifiuto indifferenziato prodotto passa da circa 200 kg ab/anno a 150 kg. C’è ancora tanto da fare, proprio qualche settimana fa una analisi merceologia sui sacchi dell’indifferenziato ha mostrato che dentro il sacco vi sono ancora frazioni differenziabili (umido, plastica e carta).

Il bilancio di previsione 2019

Postato il Aggiornato il

L’ultimo bilancio di questa Amministrazione comunale chiude il cerchio con 5 anni fatti di impegno e passione al servizio della nostra comunità.
Dal punto di vista finanziario è sicuramente il bilancio più complesso della nostra legislatura, purtroppo la spesa corrente risente di spese incomprimibili che non è possibile ridurre: le spese per i servizi essenziali, quelle relative al rimborso dei mutui contratti negli anni passati, quelle per il personale (in aumento grazie agli aumenti contrattuali giustamente previsti) e il fondo per i crediti di dubbia esigibilità (ossia l’accantonamento per le spese che non si riescono ad incassare e che purtroppo a causa delle regole della normativa nazionale aumenta di anno in anno molto più di quelle che sono le reali esigenze dei bilanci degli enti locali).
Alcune entrate “storiche” in alcuni casi si riducono. Si riducono gli introiti da multe, seguendo il trend consolidato nel 2018, quelli derivanti dall’affitto delle stazioni radiobase e dal canone di concessione della rete gas in vista della gara di ambito che dovrà essere esperita nel 2020.
Abbiamo deciso di non toccare le tariffe dei servizi scolastici, che sono le stesse da 5 anni e che abbiamo ritoccato al ribasso per le fasce ISEE più basse, e nemmeno nessuna delle aliquote di IMU e TASI mentre la TARI rimane mediamente stabile (-0,51% medio per tutte le utenze rispetto allo scorso anno). Per chiudere però il bilancio di parte corrente ricorriamo in fase di previsione a entrate per 300.000 euro derivanti da oneri di urbanizzazione, con l’impegno di ridurre questa cifra nel corso dell’anno con le successive variazioni.
Continuerà l’impegno per cercare di aiutare chi è in cerca di lavoro, anche la terza edizione della Fiera del Lavoro ha avuto un buon successo mentre l’esperienza di “Job Cornaredo” è riuscita nell’intento di accompagnare verso una posizione lavorativa numerose donne che hanno partecipato all’edizione dello scorso e quest’anno coinvolgerà giovani under 35. La spesa sociale è in aumento e viene utilizzata per supportare chi vive una fragilità anche grazie alle molte associazioni di volontario presenti sul territorio, partirà il progetto “Quartieri sociali” che coinvolgerà i residenti degli alloggi comunali e gli alloggi ALER di San Pietro all’Olmo grazie al finanziamento ricevuto da Regione Lombardia.
Sono molti gli interventi che verranno conclusi in questi ultimi mesi. I lavori di riqualificazione di via Cascina Croce si concluderanno nel mese di marzo (temperature permettendo!),  si concluderanno i lavori della nuova tensostruttura del Centro sportivo, verrà riqualificato il retro del palazzo Filanda e in estate verrà rifatto il cortile della scuola elementare di via IV Novembre.
L’intervento a cui teniamo di più è sicuramente quello relativo alla RSA, finalmente dopo anni il nostro Comune avrà una residenza per anziani non autosufficienti con tariffe convenzionate per i residenti di Cornaredo. Nel mese di marzo ci sarà la presentazione alla cittadinanza e la posa della prima pietra. A inizio aprile partiranno invece i lavori per la riqualificazione della rete dell’illuminazione pubblica, tutti gli impianti saranno a led, verranno installate delle colonnine elettriche per la ricarica dei veicoli elettrici e delle telecamere per controllare tutti i punti di ingresso del nostro Comune. Prima della fine dell’anno abbiamo invece affidato il progetto esecutivo per il recupero del bene confiscato al Politecnico di Milano e in primavera presenteremo il progetto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la conferma del finanziamento.
Tanti progetti che si chiudono e tanti progetti che lasceremo in eredità alla prossima Amministrazione comunale consapevoli che saranno utili per migliorare la vita della nostra comunità.

La situazione del trasporto pubblico locale

Postato il Aggiornato il

tplIl trasporto pubblico locale è sicuramente sia uno dei servizi fondamentali all’interno di un territorio ampio e attivo come quello in cui viviamo sia uno di quegli ambiti in cui è necessario fare rete con le altre amministrazioni comunali per incidere davvero sul servizio.
Poco prima di Natale in Consiglio regionale la maggioranza ha ritirato un emendamento al bilancio che prevedeva l’introduzione del biglietto unico per tutta l’area milanese e la revisione di tutte le tariffe per il servizio di trasporto pubblico locale.
Per quanto riguarda Cornaredo il biglietto unico significherebbe un grande risparmio e una semplificazione per gli utenti.
Per fare un esempio nella tratta Cornaredo-Molino Dorino il biglietto singolo va da 2,5 a 3,1 euro in base al punto di partenza, con il biglietto unico la corsa singola costerà 2,4 euro e ci sarà una sola tariffa indipendentemente dal luogo di partenza. I vantaggi aumentano sugli abbonamenti: oggi il mensile studenti costa da 53 a 61 euro, con il biglietto unico l’abbonamento mensile studenti costerà 45 euro mentre quello classico 60 euro e lo stesso risparmio si avrà anche sugli abbonamenti annuali. A cascata i risparmi riguarderebbero tutte le tratte dei bus che transitano nel nostro Comune.
Per questo motivo ritengo che lo stop di Regione Lombardia sia un errore grave e ho firmato l’appello insieme ad un centinaio di sindaci di diversi schieramenti politici per chiedere a Regione di approvare l’emendamento che prevede l’introduzione del biglietto unico, appello rimasto ancora inascoltato Nella giornata di ieri Regione Lombardia ha purtroppo confermato lo slittamento dell’introduzione del biglietto unico all’autunno 2019 invece che ad aprile.
L’agenzia del trasporto pubblico locale sta invece lavorando alla preparazione dei documenti per la nuova gara del trasporto pubblico che uscirà nel 2019 (sempre a detta di Regione Lombardia e speriamo in questo caso che vengano rispettati i tempi) con un nuovo piano di bacino che ha rivisto tutto il trasporto pubblico su gomma dell’area milanese verificando la frequenza delle singole linee. Nel documento visibile sul sito dell’agenzia sono previsti importanti novità anche per il nostro Comune. Oltre alla conferma della previsione dello sviluppo della linea M5 nel nostro territorio, si aggiungerà a quelle già presenti una nuova linea: la 423 che oggi arriva a Settimo Milanese e verrà prolungata fino al Bennet per cui ci sarà una nuova tratta Cornaredo-San Siro M5.
Aumenteranno invece le corse della Z620, vengono migliorate le connessioni con Cascina Croce mentre vengono confermate le corse della 431 e 433. A questo proposito incontreremo a breve l’Agenzia del TPL proprio per approfondire le previsioni per queste due ultime linee dal momento che anche nelle osservazioni che abbiamo presentato come Comune abbiamo chiesto un aumento delle corse in orari scolastici e la domenica.
Tra le osservazioni abbiamo fatto ovviamente riferimento anche al necessario prolungamento della M5 per avere finalmente un servizio fondamentale per il territorio dell’ovest Milano. In questo senso nelle prossime settimane promuoveremo un documento su trasporti e viabilità da condividere con i comuni a noi vicini.

Mi ricandido a sindaco

Postato il Aggiornato il

Cinque anni fa, a chi mi chiedeva di spiegare la scelta di candidarmi, io rispondevo che lo facevo per amore. Per amore della mia città. Oggi, cinque anni dopo sono più che mai convinto che questo amore sia ben riposto. Piazza Libertà, il fontanile Giardino, la Chiesa Vecchia, i platani di via Garibaldi: Cornaredo significa casa, per me, e sono davvero orgoglioso di aver avuto il privilegio di amministrarla.
Sono stati cinque anni di entusiasmo, di fatica, di confronto, di arrabbiature e di sorrisi. Fare il sindaco è un’esperienza incredibile: ci sono giorni in cui credi che tutto sia possibile e giorni in cui stringi i pugni per non farti prendere dallo sconforto. Ogni singola ora che ho passato in Comune, però, mi ha dato la certezza che stavo lavorando per il più nobile degli obiettivi: migliorare la vita di tutti i miei concittadini. La certezza che l’impegno che ci stavo mettendo sarebbe servito a portare a termine quei progetti che, oggi posso dirlo, hanno fatto crescere Cornaredo.
1889029_540967372702049_1489069148146898249_o
Nessuno ci ha regalato la bacchetta magica, certo, ma credo che insieme ai miei compagni di viaggio, lavorando come una squadra, abbiamo ottenuto risultati importanti. Ne cito tre su tutti: l’inaugurazione dell’Istituto Alberghiero Olmo, che abbiamo recuperato e che oggi è una eccellenza del nostro territorio; la pista di atletica, che abbiamo riqualificato completamente dopo anni di abbandono; gli investimenti dedicati alla ristrutturazione e all’ammodernamento dei nostri edifici scolastici.
Accanto ai risultati già raggiunti, poi, ci sono altre cose che vedrete nei prossimi mesi: la posa della prima pietra della RSA, il completo rinnovamento dell’illuminazione pubblica attraverso l’installazione di luci a led, la casa dell’acqua di San Pietro all’Olmo, la riqualificazione del cortile della scuola elementare di via IV Novembre e la costruzione di una nuova struttura polifunzionale al Centro Sportivo.
Se sono fiero di quanto fatto, sono anche consapevole che molto resta ancora da fare. Il lavoro non è finito. È tempo adesso di guardare avanti. Alle sfide che ci aspettano. Tanti di voi me l’hanno confermato. Amici, conoscenti, cornaredesi di lungo corso e nuovi concittadini. Abbiamo il dovere di pensare al futuro.
Abbiamo il dovere di occuparci con ancora maggiore determinazione di chi è in difficoltà, di chi ha perso il lavoro. Di chi è fragile.
Abbiamo il dovere di recuperare le aree industriali abbandonate, a partire da Villa Dubini, dal bene confiscato di via Vanzago e dall’area dell’ex ICOMA.
Abbiamo il dovere di affrontare con estrema serietà la questione sicurezza, perché la serenità dei cornaredesi sta a cuore a tutti noi e sta a noi tutelarla attraverso l’installazione di nuove telecamere e una più stretta collaborazione con le forze dell’ordine.
Abbiamo il dovere di incentivare e agevolare chi investe e porta lavoro nel nostro territorio: Cornaredo deve diventare sempre più attrattiva per le imprese ed è giunto il momento che anche a Milano lo riconoscano.
È tempo di decidere, mi avete detto. Io ho deciso, mi impegno. Avrò di nuovo bisogno dell’aiuto di tutti voi, delle vostre energie, della vostra fiducia!
Perché domani è tempo di Cornaredo.