Giorno: 26 febbraio 2021

Cosa succede alla RSA?

Postato il Aggiornato il

Molti cittadini mi hanno scritto in queste settimane chiedendo aggiornamenti sulla RSA di via Adamello il cui cantiere è fermo ormai da molto. Nelle ultime settimane si sono susseguite notizie circa il cambio dell’operatore o la possibile vendita del contratto che prevede la realizzazione e gestione della struttura. Di seguito provo a spiegare cosa sta davvero succedendo.

Durante i mesi estivi Sereni Orizzonti, l’operatore che ha vinto la gara e che ha cominciato i lavori, ci ha comunicato, a seguito della pandemia, una serie difficoltà a livello economico nel procedere con i cantieri in corso. Tra questi anche quello di Cornaredo che si sarebbe dovuto concludere questa estate. Il motivo evidente è che la pandemia ha messo a dura prova tutto il settore delle RSA, in difficoltà a causa dei numerosi decessi registrati nelle strutture e dell’impossibilità di inserire nuovi utenti visto il blocco degli ingressi. L’operatore ci aveva anche comunicato di essere in attesa di ristori da Stato e Regione che potessero permettere di rientrare delle minori entrate e di essere in fase di valutazione circa la possibilità di cedere il contratto a un altro soggetto.

Dal mese di settembre abbiamo scritto più volte all’operatore per avere aggiornamenti sulla ripresa dei lavori e sul nuovo cronoprogramma, formalmente e informalmente, fino ad arrivare nel mese di dicembre all’invio di un atto di diffida ad adempiere dove abbiamo intimato a Sereni Orizzonti, supportati dal nostro legale, la ripresa dei lavori. A seguito di questa comunicazione l’operatore ci ha chiesto un incontro prima della fine dell’anno comunicandoci in quella sede di aver firmato un contratto preliminare con altra società e chiedendo la proroga della convenzione per 3 anni a causa della pandemia.

Abbiamo risposto formalmente a questa richiesta dichiarandoci disponibili a una proroga fino al 31 dicembre 2022, approvata due settimane fa dal Consiglio comunale, chiedendo al futuro acquirente un atto di impegno a rispettare le condizioni presenti nella convenzione firmata precedentemente con Sereni Orizzonti relativamente a tariffe per i residenti e assunzioni, garanzie economiche e una dichiarazione di possedere gli stessi requisiti del precedente operatore. Queste richieste non derivano dal fatto che un’Amministrazione comunale possa autorizzare o meno la cessione di un contratto se già previsto in convenzione ma dalla necessità di tutelare la nostra comunità che attende questo progetto da anni.

La ditta indicata quale futura acquirente è EDOS. Si tratta di un operatore che lavora da molti anni nel settore delle case di riposo, ne gestisce 17 in 5 Regioni di cui 3 a Milano per un totale complessivo di 1.374 posti letto. Come detto verrà realizzato lo stesso progetto e alle stesse condizioni.

E’ inutile nasconderlo, non sono i tempi che avevamo sperato per vedere realizzato il sogno di una casa di riposo nel nostro Comune. Amministrare però a volte non ti permette di scegliere la tempistica dei progetti su cui Giunta e uffici lavorano con tanto impegno ed è, inutile dire che questa pandemia non potevamo proprio prevederla. Il percorso che prevede la proroga della convenzione è sicuramente quello più breve per realizzare finalmente una RSA a Cornaredo per questo rimaniamo ottimisti nel vederla presto realizzata.