Cosa ci lasciano i tulipani

Postato il Aggiornato il

Per qualche giorno il nostro Comune è stato il centro del mondo, visitatori che ci hanno ricordato le code di Expo e servizi televisivi anche sui Tg nazionali dove si parlava con toni quasi fiabeschi di questo straordinario campo di tulipani cresciuto alle porte di Milano.
Non mi voglio soffermare tanto sull’iniziativa, come detto nel giorno dell’inaugurazione il merito è di Edwin e Nitshue oltre che degli agricoltori che hanno dato loro una mano fondamentale, così come sulla storia che li ha portati a scegliere il campo di Cornaredo, ormai la conoscono tutti. È però bello quello che l’iniziativa ha generato all’interno della comunità: tantissime foto sui social network ma anche tanti sorrisi tra le persone che si avvicinavano al campo sulla pista ciclabile e tanto orgoglio per chi ha a cuore il bene del nostro territorio.
Non ci siamo nemmeno fatti mancare le polemiche, sui parcheggi e sugli scontrini fiscali. Se le prime sono comprensibili perché il grande flusso di veicoli ha creato sicuramente dei disagi in special modo ai residenti, abbiamo usato buon senso come in occasione della Festa del paese, di eventi al centro sportivo o all’oratorio e durante le ricorrenze dei defunti (in questi casi però evidentemente nessuno se ne è mai preoccupato), le seconde rispondono a una logica secondo cui qualcuno è sempre pronto a fare i conti in tasca agli altri insinuando le altrui inadempienze. In certi casi credo si abbia davvero difficoltà a riconoscere la bellezza, anche nella semplicità di un campo fiorito.
È sulle cose positive che però mi sono fermato a riflettere. Perché questa iniziativa è riuscita a raccogliere intorno a sé gran parte della nostra comunità, dandoci la dimostrazione che la bellezza  riesce a far sprigionare le energie migliori del nostro territorio, c’è chi ha dato una mano con servizi fotografici o con i droni, chi mettendo a disposizione la propria passione per i fiori e per l’agricoltura e poi c’è stata tutta una comunità orgogliosa che il nostro Comune si sia trasformato per qualche settimana nel Paese dei tulipani. Non solo chi è nato e cresciuto a Cornaredo si è stretto intorno a questo evento, lo ha fatto anche chi è “cornaredese di adozione” e si è trovato a dover dare indicazioni stradali ai propri colleghi che volevano visitare il campo o a chi arrivava  nel nostro Comune senza sapere bene dove andare. Ci siamo un po’ sentiti un piccolo centro del mondo ed è stata una bella sensazione.
Sembra che il prossimo anno si replichi, con un campo ancora più grande, e sarà l’occasione per cercare di trattenere i visitatori sul nostro territorio aprendo le nostre eccellenze culturali e collaborando con i commercianti.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...