Mese: settembre 2015

Il programma della festa di San Pietro all’Olmo

Postato il

Ottobre non é solo il mese autunnale per eccellenza ma per i sampietrini é il mese dell’ottobre sampietrino, il mese della festa.
Quest’anno, nel centenario della grande guerra, abbiamo deciso di proporre una commemorazione di un evento che ha segnato la storia dell’Europa e del nostro Paese attraverso la rievocazione storica di una battaglia e una mostra a cura dell’Ecoistituto della valle del Ticino ONLUS.
Ma procediamo con ordine. Si comincerà sabato 3 ottobre nel pomeriggio con la festa della biblioteca presso la biblioteca di San Pietro e la mostra di pittura “I bambini e il gelato nel mondo” presso l’oratorio San Luigi. La sera appuntamento nella Chiesa di San Pietro con il Concerto per banda e coro, a cura della banda di San Pietro e della Schola Cantorum parrocchiale.
Domenica 4 ottobre Piazza della Chiesa Vecchia andrà indietro nel tempo fino all’inizio del novecento con giochi e costumi dell’epoca e l’allestimento dell’accampamento e delle trincee. Nel pomeriggio rievocazione storica di una battaglia con accoglienza del reggimento di artiglieria a cavallo “Voloire” dell’esercito italiano e canti alpini. Le Acli offriranno il vin brûlé, la Pro loco le castagne, sarà aperta la sede del Cai e si potrà visitare con le guide la nostra Chiesa Vecchia.
Piazza Dubini sarà invece animata dalle associazioni e le attività commerciali di San Pietro all’Olmo. Ci saranno l’autoemoteca per effettuare il test di idoneità alla donazione del sangue, mostre di pittura, aperitivi, merende ed esibizioni di Twirling e scuole di ballo. Presso l’area mercato ci saranno le giostre mentre sarà possibile visitare il bosco Cini.
Lunedì sarà possibile mangiare la trippa presso la cooperativa, le Acli e la risotteria.
Tutto ottobre sarà poi segnato da concerti e rappresentazioni teatrali.

Trovate qui tutto il programma

Il programma della festa del Paese

Postato il Aggiornato il

Sabato cominceranno le iniziative legate all’edizione della festa del Paese 2015. Una edizione che abbiamo voluto mantenesse le proprie radici nella tradizione della nostra comunità ma fosse capace di introdurre delle novità che speriamo possano essere gradite dai nostri concittadini.
Ci saranno le giostre, a cominciare da giovedì e fino a domenica 13, ci saranno i fuochi d’artificio martedì sera e la fiera agrozootecnica del lunedì che viene confermata dopo lo scorso anno.
Andiamo però con ordine. Si comincia sabato con l’inaugurazione della mostra “Calpesta la guerra” presso la sala esposizioni della Filanda, spazio musicale presso l’area parco di via Sturzo, il totem interattivo dedicato ad EXPO nell’atrio del municipio a cura dell’Università di agraria, lo spettacolo delle fontane la sera nella piazza del Municipio e l’inaugurazione della mostra di modellismo.
Domenica si prosegue con la pittura a cura della Pro Loco, la fiera delle merci per tutto il Paese, iniziative per i nostri amici a quattro zampe, lo spettacolo musicale della sera e sopratutto la presenza di tutte le nostre associazioni con alcune esibizioni dimostrative. Sarà anche possibile gustare a pranzo e cena i risotti della Festa preparati da alcuni bar del nostro Comune.
Il lunedì della festa si comincia con la fiera agrozootecnica presso il piazzale don Carlo Aresi, il mercato Campagna amica a cura di Coldiretti , i laboratori didattici di “UN EXPO PER TUTTI” e tanto altro ad intrecciare la tradizione con il presente. Non mancheranno le associazione del nostro territorio, gli amici del cortile con le loro iniziative e lo spettacolo serale in Piazzetta Dugnani, la premiazione del Corniolo d’oro e la messa con la processione. Martedì si chiude con le esibizioni delle scuole di danza e lo spettacolo dei fuochi di artificio. Qui il programma completo.
La festa sarà anche l’occasione per salutare don Emiliano che presto andrà a Magenta, riabbracciare don Claudio e sperimentare il nuovo servizio di Wi-Fi gratuito presso Piazza Libertà.
La festa del Paese é di tutti. Viviamola con il giusto spirito, divertiamoci ma rispettiamo tutti in modo che tutti si possano divertire e utilizziamo questi giorni riscoprendo da dove arriviamo, scoprendo meglio cosa ha da offrire il nostro territorio e rincontrando persone che non vediamo da un po’.