Tariffazione puntuale dei rifiuti: noi ci crediamo, e gli altri?

Postato il Aggiornato il

q-HZ2YvBJ6mZCJlpj75dkjl72eJkfbmt4t8yenImKBVvK0kTmF0xjctABnaLJIm9

La raccolta differenziata a Cornaredo è ormai consuetudine da molti anni. All’inizio del nuovo millennio fummo uno dei primi comuni della provincia di Milano a ritirare le campane optando per il porta a porta. I risultati furono strabilianti: elevate percentuali di raccolta differenziata e sempre meno rifiuti avviati a smaltimento. Anche negli ultimi anni la raccolta differenziata è aumentata arrivando oggi al 56% ma lo ha fatto, come è normale che sia con l’aumento della percentuale, in maniera meno pronunciata e rimanendo ancora molto lontani dal 65% indicato dalla normativa ambientale.

Ci vuole qualcosa di più, ci vuole la tariffazione puntuale. In cosa consiste? Una parte della tariffa che attualmente ogni utenza versa al gestore verrà legata al numero di sacchi di rifiuti indifferenziati che ogni utenza conferisce al servizio di igiene urbana. Meno se ne conferiscono meno si paga.

In Consiglio comunale il Partito democratico ha chiesto la sua introduzione per molti anni e un anno fa ACSA ha presentato un progetto per l’avvio in forma sperimentale della tariffa puntuale, progetto però che non ha mai avuto attuazione. Per questo appare strano che chi ha bocciato in questi anni l’introduzione della tariffa puntuale nonostante esistesse già un progetto dettagliato la riproponga come punto qualificante del proprio programma. È stato fatto, ci hanno detto, per i costi troppo onerosi del progetto. Il fatto è che al termine dell’esercizio ACSA ha prodotto un utile di 90 mila pagando allo Stato più di 100 mila in tasse per l’utile conseguito; per evitare questi sprechi un investimento nella sperimentazione della tariffa puntuale sarebbe stato molto utile.

Purtroppo si ripropone ciò che è accaduto per ACSA: una mancanza di progettualità che ha portato a numerosi tentennamenti e alla fine si è deciso di mantenere tutto come prima. Noi invece al principio “chi inquina paga” ci crediamo per davvero, così come al fatto che una delle soluzioni per aumentare la raccolta differenziata sia quella di premiare i cittadini più virtuosi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...