Mese: maggio 2014

Insieme cambieremo Cornaredo, e sarà bellissimo.

Postato il Aggiornato il

10426636_10203393071379272_9127063014662951913_n

Gli ultimi giorni sono stati un turbine di emozioni, ed è molto difficile descriverle tutte. Abbiamo ottenuto un risultato straordinario e commovente. Mi piacerebbe ringraziare personalmente ogni singolo cittadino per la fiducia.

Essere il sindaco del luogo che si ama è un sogno. Di questa campagna elettorale conserverò sempre il ricordo dell’enorme affetto che mi hanno rivolto tutte le persone che ho incontrato. Questo, i 5.972 voti di domenica e le tante richieste di amicizia di giovani cornaredesi (vedete che si accorgono di ciò che cambia nel mondo che li circonda) mi danno davvero tanta forza per il nuovo incarico.

Adesso non lasciatemi solo: come ho ripetuto spesso durante la campagna elettorale, la mia forza siete voi. Vi chiedo di restarmi vicino, di consigliarmi e  criticarmi, se serve. Cornaredo la cambieremo insieme, e sarà bellissimo. PENSIAMO AL FUTURO!

Giuliano Pisapia a Cornaredo per Yuri Santagostino Sindaco

Postato il Aggiornato il

10322642_10203360668685067_1403605701242587079_n

Vi aspettiamo venerdi 23 maggio dalle 19 in Piazza Libertà per la festa di chiusura della campagna elettorale! Sarà con noi Giuliano Pisapia, sindaco di Milano. A seguire, concerto di Emma T & The Groovy Lemons!

 

Scuola superiore: meno parole, più concretezza

Postato il Aggiornato il

Scuola (1)

La domanda sullo stato  della scuola superiore mi viene posta ad ogni incontro cui partecipo, a San Pietro all’Olmo, Cascina Croce o Cornaredo. Tutti chiedono chi si sta occupando dei lavori, quando finiranno e chi paga: facciamo un po’ di chiarezza. I lavori sono a carico della Provincia di Milano e il Comune di Cornaredo, avendo messo a disposizione il terreno su cui sorge la scuola, non ha perso né versato un euro. Questo è quello che sappiamo.

Quello che non sappiamo è quando riprenderanno e verranno terminati i lavori, benché ieri (20 maggio) dall’attuale maggioranza abbiano fatto sapere che a breve il cantiere riprenderà vita. Nonostante le dichiarazioni di routine, ogni volta ci viene risposto “tra qualche mese” e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: dopo la posa della prima pietra a settembre 2009 la scuola superiore è ancora lì che aspetta di essere conclusa, nonostante il nostro sindaco fosse anche consigliere provinciale.

Ci impegniamo perché l’Amministrazione comunale solleciti la Provincia e la nascitura Città metropolitana perché Cornaredo abbia la sua scuola superiore il prima possibile.

Perchè nessuno si debba mai sentire solo

Postato il Aggiornato il

Vecchi

Oggi un anziano è spesso occupato nell’accudimento dei nipoti ed al contempo, secondo la propria indole, si impegna in attività di volontariato, ricreative, ludiche e culturali. Dall’altro lato i grandi anziani necessitano di tempi e ritmi più tranquilli, di essere tutelati in luoghi assistiti, dove potere condurre una socialità senza ansie nella dimensione del ricordo collettivo a contrasto della solitudine.

Ecco perché le risposte devono essere adeguate e coerenti al bisogno, non solo una mera erogazione di servizi ma una attenta valutazione, una puntuale programmazione ed una più completa progettazione complessiva. Le persone incontrate in questo periodo hanno espresso con chiarezza e determinazione le proprie richieste, spesso semplici ed immediate che esprimono una unica necessità: la riorganizzazione e l’adeguamento degli spazi e delle attività ad esse riservati.

La struttura del Melograno, cuore vitale dell’anzianità cornaredese, necessita di alcuni adeguamenti in termini innovativi (es. aria condizionata, diverso utilizzo delle sale,…) e, dati alla mano, potrebbe essere necessario prevederne l’ampliamento. Maggiori spazi quindi che possono ospitare: salette riservate agli ospiti dei mini-alloggi, sale dedicate agli anziani attivi, forme di residenzialità leggera in co-housing o, in alternativa, un centro diurno assistito.

Anche gli spazi esterni dovranno essere migliorati: tavoli all’ombra degli alberi nel parco, panchine e punti sosta nei percorsi che collegano al centro del paese ed ai servizi di pubblica utilità. Gli orti e la cura di alcune zone a giardino saranno oggetto di co-progettazione con i gruppi interessati.

C’è poi il grande tema della RSA che non può essere ridotto al semplicistico impegno della “posa della prima pietra” e di cui non abbiamo ancora visto dei progetti economici coerenti. La Residenza è un luogo dove si vive un tempo della propria vita – per questo fondamentale motivo la nostra RSA deve soddisfare appieno esigenze economiche e comunitarie, con rette sostenibili e garantendo una quotidiana apertura alla comunità che consenta alle persone ricoverate di mantenere attiva la relazione con i propri cari, gli amici e i conoscenti in spazi adeguati e protetti.

Il cerchio si chiude con un ultimo punto che è anche il punto dal quale ripartire ovvero un “Punto di Accoglienza Anziani” che ascolta, orienta, accompagna l’anziano e la sua famiglia ad individuare le giuste risposte ed infine restituisce, quale osservatorio privilegiato, una analisi evolutiva del bisogno quale utile monitoraggio per un costante aggiornamento progettuale.

Tariffazione puntuale dei rifiuti: noi ci crediamo, e gli altri?

Postato il Aggiornato il

q-HZ2YvBJ6mZCJlpj75dkjl72eJkfbmt4t8yenImKBVvK0kTmF0xjctABnaLJIm9

La raccolta differenziata a Cornaredo è ormai consuetudine da molti anni. All’inizio del nuovo millennio fummo uno dei primi comuni della provincia di Milano a ritirare le campane optando per il porta a porta. I risultati furono strabilianti: elevate percentuali di raccolta differenziata e sempre meno rifiuti avviati a smaltimento. Anche negli ultimi anni la raccolta differenziata è aumentata arrivando oggi al 56% ma lo ha fatto, come è normale che sia con l’aumento della percentuale, in maniera meno pronunciata e rimanendo ancora molto lontani dal 65% indicato dalla normativa ambientale.

Ci vuole qualcosa di più, ci vuole la tariffazione puntuale. In cosa consiste? Una parte della tariffa che attualmente ogni utenza versa al gestore verrà legata al numero di sacchi di rifiuti indifferenziati che ogni utenza conferisce al servizio di igiene urbana. Meno se ne conferiscono meno si paga.

In Consiglio comunale il Partito democratico ha chiesto la sua introduzione per molti anni e un anno fa ACSA ha presentato un progetto per l’avvio in forma sperimentale della tariffa puntuale, progetto però che non ha mai avuto attuazione. Per questo appare strano che chi ha bocciato in questi anni l’introduzione della tariffa puntuale nonostante esistesse già un progetto dettagliato la riproponga come punto qualificante del proprio programma. È stato fatto, ci hanno detto, per i costi troppo onerosi del progetto. Il fatto è che al termine dell’esercizio ACSA ha prodotto un utile di 90 mila pagando allo Stato più di 100 mila in tasse per l’utile conseguito; per evitare questi sprechi un investimento nella sperimentazione della tariffa puntuale sarebbe stato molto utile.

Purtroppo si ripropone ciò che è accaduto per ACSA: una mancanza di progettualità che ha portato a numerosi tentennamenti e alla fine si è deciso di mantenere tutto come prima. Noi invece al principio “chi inquina paga” ci crediamo per davvero, così come al fatto che una delle soluzioni per aumentare la raccolta differenziata sia quella di premiare i cittadini più virtuosi.

Pensiamo al futuro, con onestà e trasparenza

Postato il Aggiornato il

Riparte-il-Futuro

Onestà. Sin da quando abbiamo cominciato la nostra campagna, ormai molti mesi fa, la prima delle tante richieste che mi vengono avanzate più spesso non riguardano il lavoro, le buche delle strade, il traffico o il servizio ma è tanto più semplice quanto profonda: mi si chiede di svolgere il ruolo di primo cittadino con onestà.

Io ovviamente la garantisco sempre ai miei interlocutori. In questa campagna elettorale mi prendo un impegno in più: ho scelto di aderire alla campagna “Riparte il futuro“.

Un impegno che vale per tre: innanzitutto ho inserito sul sito il mio cv, la mia ultima dichiarazione dei redditi e le mie proprietà (che non sono poi tante), mi sono impegnato ad adottare una delibera contro la corruzione entro 100 giorni e di attuarne le prescrizioni entro 200 giorni.

Cosa prevede la delibera? La pubblicazione online e diffusione dell’anagrafe di tutti gli eletti, informazione semplificata sui bilanci del comune, fornendo dati dettagliati su partecipate ed enti simili, adozione della Carta di Pisa, creazione di una tavola pubblica per la trasparenza e trasparenza sulla gestione dei beni confiscati.

Puoi consultare la mia scheda sul sito della campagna “Riparte il futuro” seguendo questo link: http://www.riparteilfuturo.it/elezioni-2014/comunali/yuri-santagostino/

riparte il futuro

Pedaliamo verso il futuro: il video

Video Postato il

Grazie a Luigi Sambruna, il video della biciclettata di oggi attraverso le strade e i parchi di Cornaredo, San Pietro all’Olmo e Cascina Croce. Una carovana allegra e colorata di quasi cento biciclette che ha attraversato il nostro territorio con una gran voglia di pensare al futuro.

Pensiamo al futuro: il programma per San Pietro all’Olmo

Postato il Aggiornato il

10307425_622425701167030_6770707257617861782_nDopo la bella serata del 5 maggio, in cui abbiamo presentato il programma e la coalizione a Cornaredo, e la biciclettata dell’11 maggio, il nostro tour continua. Appuntamento per giovedi 15 maggio alle 21 nella splendida cornice di Piazza della Chiesa Vecchia, dove presenteremo le nostre proposte per San Pietro all’Olmo.  In caso di pioggia l’iniziativa è spostata presso la Sala Alda Merini di Via Volta 7.